Identificato e denunciato il pirata della strada

E’ un ventunenne residente a Pistoia, incensurato, operaio di una ditta di Chiesina, il pirata della strada che lo scorso 13 febbraio, alla guida di un furgone bianco Fiat Scudo, ha investito un uomo nel comune di Chiesina Uzzanese. L’uomo è poi deceduto domenica mattina all’ospedale di Pescia.
Il ragazzo, G.D., si è dichiarato colpevole, dicendo di essere stato preso dal panico. Per questo non si è fermato a soccorrere l’uomo investito.
Pur con i pochi elementi a disposizione, la Polizia di Stato è riuscita a risalire al conducente del furgone. Nel primo pomeriggio di martedì una pattuglia in borghese appositamente inviata nel comune di Chiesina Uzzanese per svolgere ulteriori accertamenti, notava, all’interno del piazzale di un distributore di benzina, un furgone di colore bianco con evidenti segni di un impatto recente con un mezzo dello stesso colore del mezzo coinvolto nell’incidente.
Il conducente dapprima non ha fornito alcuna spiegazione riguardo ai danni presenti sul mezzo, aggiungendo che essendo utilizzato da più persone non sapeva chi l’avesse guidato. Solamente in serata il giovane probabilmente resosi conto di aver fornito ai poliziotti una versione dei fatti non sostenibile, ha confessato di essere il colpevole. E’ stato denunciato per il reato di fuga e omicidio stradale con immediato ritiro della patente di guida.