Dovete morire”. Le ingiurie degli hater contro gli agenti

“Dovete morire”, “Vi venga un cancro”, “Siete degli imbecilli” ed altre meschine ingiurie nei confronti di figli o mogli.

Ecco cosa hanno dovuto subire gli agenti di Polizia Municipale di Pescia da almeno sette insospettabili pesciatini, ma potrebbero essere assai di più, uomini e donne, che nel corso del 2017 si sono accaniti contro di loro. I sette denunciati e condannati hanno tra i 35 e i 60 anni ed a quanto pare, nonostante le infamanti accuse, qualcuno di loro continua ad utilizzare Facebook per oltraggiare il lavoro di chi, come gli agenti di polizia Municipale, ogni giorno è sulle strade e con fatica svolge il proprio mestiere.

I sette, dicevamo, hanno pubblicato su Facebook commenti offensivi, probabilmente a causa di alcune multe elevate nei loro confronti. Apparentemente fanno parte di due gruppi distinti tra loro, che hanno però fatto “squadra” quando è capitata l’occasione di “farla pagare” agli agenti di Polizia Municipale.

Rammaricato il comandante Luigi Giordano, “Non potevamo tollerare oltre. I commenti a carico degli agenti stavano sconfinando in minacce e umiliazioni ai nostri figli e mogli. Sono naturalmente dispiaciuto”. “Ciò nonostante, io e i miei colleghi siamo a disposizione per confronti seri e costruttivi con chi dissente da alcune scelte strategiche del Comune, pur nel rispetto dei ruoli e delle persone”.