Trent’anni di Onu per l’Infanzia. C’è anche Pinocchio

La convenzione Onu sui Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza compie 30 anni e la Fondazione Nazionale Carlo Collodi, con la Fondazione Istituto degli Innocenti e Gabinetto G.P. Vieusseux, ha organizzato una tavola rotonda a Palazzo Strozzi a Firenze. Il primo cittadino Dario Nardella ha fatto gli onori di casa.

La tavola rotonda era moderata da Paola Catani Gagliani, giornalista responsabile Ansa-Firenze

Il 2019 segnerà una importante tappa per la convenzione, approvata dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite il 20 novembre 1989. La tavola rotonda è stato il primo momento per un confronto con esperti di vari settori e discipline sui progressi avuti, i nodi ancora da sciogliere, i nuovi scenari emersi in questi anni in tema di infanzia e adolescenza.

“Abbiamo fatto una prima analisi sui progressi avuti e cercheremo di individuare le aree ancora problematiche. Lavoro minorile, la partecipazione dell’infanzia, i progressi normativi, il mondo dell’editoria infantile”. Ha spiegato Pier Francesco Bernacchi, presidente della Fondazione Collodi.