Il Tiro a Segno Pescia a Siena con un gruppo fantastico

Bellissima esperienza del Tiro a Segno Pescia che ha organizzato una due giorni al poligono di Siena con il gruppo disabili che avevano partecipato ai Campus estivi ed invernali del C.I.P. e AiCS. Giornate molto istruttive dove i ragazzi hanno potuto conoscere una nuova  disciplina. Il Tiro a Segno è sport Paralimpico e può essere praticato da tutte le persone che presentano una disabilità fisica. È presente alle Paralimpiadi già dal 1976, con un regolamento tecnico che prevede la possibilità di usufruire di un supporto a molla per coloro che non hanno la forza negli arti superiori. Quest’ultimi fanno parte della categoria Sh2, mentre per coloro che presentano sempre negli arti superiori una buona manualità e mobilità fanno parte della categoria SH1. Ci sarà comunque una commissione di medici che valuteranno il loro stato funzionale, inserendo il soggetto nella propria categoria di appartenenza. Il tiro con la carabina offre diverse possibilità a seconda della tipologia di disabilità e a differenza della pistola, dove l’abbigliamento è libero, nella carabina per raggiungere risultati ottimali servono giacca da tiro cinghia e guanto. Le gare in Italia si disputano su 60 colpi – preceduti da 15 minuti di preparazione e prova – con un’ora e 15’ a disposizione e un colpo per bersaglio. Le competizioni sono aperte anche a gli ipovedenti e ciechi che avranno la possibilità di rendersi conto di dove va il colpo ascoltando la frequenza di suoni fino a raggiungere il centro del bersaglio.