Parcheggi, il Comune denunciato per danni. Prima udienza ad aprile

“La società Pe.Par srl ha convenuto in giudizio dinanzi al Tribunale di Pistoia per la data del 1° aprile 2020 il Comune di Pescia per ottenere l’integrale risarcimento dei danni subiti in conseguenza dei plurimi, gravi e reiterati inadempimenti posti in essere dall’amministrazione comunale nell’esecuzione della Convenzione stipulata in data 02.09.2011 per la costruzione e gestione dei parcheggi urbani a servizio della città”.

Nella nota di Pe.par si dice che la denuncia fa seguito alle “improvvide ed inusitate iniziative assunte dal Sindaco di Pescia, il quale, adducendo motivazioni palesemente prive di fondamento, pretestuose ed anche offensive nei confronti di Pe.Par. s.r.l. e dei suoi amministratori, pretenderebbe di acquisire il possesso delle opere realizzate a totale cura e spese della stessa Pe.Par., che ha invece adempiuto puntualmente alle obbligazioni assunte con la sottoscrizione della summenzionata convenzione”.

CONTINUA A LEGGERE IL COMUNICATI DO PE.PAR SRL

La evidente inconsistenza delle ragioni addotte dal  Comune ha trovato riscontro nel provvedimento con il quale il Tar Toscana ha sospeso l’esecuzione degli atti adottati dall’amministrazione comunale per rientrare in possesso dei parcheggi realizzati da Pe.Par. s.r.l., osservando, quanto alla legittimità di tali atti, che “non appare adeguatamente evidenziato l’interesse pubblico in concreto perseguito mediante il provvedimento di annullamento officioso e, quanto al periculum, che la decisione di agire in autotutela possessoria per il recupero delle aree può arrecare danni non riparabili alla attività svolta dalla ricorrente” (la causa  è stata quindi rinviata per la decisione nel merito all’udienza del 12.02.2020).