Ostello di immigrati clandestini in un appartamento?

La denuncia arriva dal consigliere comunale Oliviero Franceschi il quale, facendosi testimone di alcune segnalazioni, a suo dire anonime, ha svelato che in via Traversa, nei pressi del supermercato Esselunga, ovvero la strada che collega viale Garibaldi con via Galeotti, vi sarebbe un appartamento di 45 metri quadri che di “notte diventa un vero e proprio ostello dell’immigrazione, chissà se legale o clandestina”. Se fosse confermata la notizia si tratterebbe di un fatto gravissimo.

“Pescia è una città fuori controllo. Nessuno sa quantificare e qualificare la presenza di certi soggetti, extracomunitari. E’ comprensibile che i cittadini abbiano paura fino al punto di scrivermi in modo anonimo?”.

“Ho sentito blaterare il sindaco Giurlani su controlli e verifiche in città, ma di queste per ora non se ne vede traccia. Com’e possibile proteggere i nostri concittadini da queste situazioni se non si blocca la gestione diretta o indiretta del flusso profughi e si pianifica una vera e propria politica di accoglienza senza che sia chicchessia a farsene carico naturalmente non a costo zero?”. Franceschi auspica la costituzione di “comitato di crisi” per il censimento degli alloggi dove risiedono gli immigrati extracomunitari, “verificando le condizioni igienico sanitarie”.